Vikings

Recensione prima stagione – 9 episodi

03a3b98dd1177b6dae42ca31b5ac7ee1-vikings-season-1-1469677762-1021x576

Scandinavia, 793 d.C.

I vichinghi sono guerrieri norreni, originari della Scandinavia e della Danimarca.

Ragnar Lodbrock vive in una fattoria con sua moglie Lagertha e i suoi due figli: Bjorn e Gyda. Durante il periodo estivo si dedica alle razzie nelle terre orientali, eseguendo gli ordini del conte Haraldson. Ormai, però, in quelle terre dove tutti gli anni si recano, non c’è più molto da derubare.
Ragnar è convinto che andando ad Ovest troveranno altre terre, piene di tesori e ricchezze, ma il conte non dà il suo consenso per affrontare questo viaggio. Coinvolgendo suo fratello Rollo, organizza da solo la spedizione verso ovest, chiedendo a Floki, bravo falegname e costruttore di navi, di fargliene una degna per quella spedizione.
Ci ritroviamo, così, nel corso delle puntate, a seguire Ragnar nelle sue avventure ad occidente, alla ricerca di nuove terre da conquistare e tante ricchezze da portare a casa.

Il tempo va avanti veloce, gli anni scorrono nell’arco di pochi episodi ma non è pesante ne difficile starci dietro. Io trovo, anzi, che questo renda il tutto più dinamico.

ragnar

Ragnar, il vichingo protagonista dagli occhi di ghiaccio, è ispirato a due figure della storia: una semi-leggendaria e l’altra, invece, realmente esistita.
La figura semi-leggendaria è quella di un certo Ragnar Lodbrok ( o Lothbrock) che ha regnato su Svezia e Danimarca nella seconda metà del IX secolo. Non vi sono documenti che ne verifichino la sua reale esistenza, per questo viene considerato di più come un mito che come realtà.
Un omonimo, però, sembra che sia realmente esistito in quel periodo: era un militare danese e sembra essere stato conte alla corte di Re Horik I di Danimarca.

Nelle Gesta Danorum, lo storico medievale danese Saxo Grammaticus cerca di ricostruire la storia nazionale della Danimarca, utilizzando anche il particolare punto di vista Scandinavo. Le Gesta Danorum sono raccolte in 16 volumi e nei primi 9 sono presenti anche le nozioni sulla mitologia norrena.
In questi volumi è presente la figura semi-leggendaria di Ragnar Lodbrok. Lo scrittore, per cercare di ricostruire la vita di questo vichingo, cerca di far conciliare miti e leggende con eventi storici, ma questo processo risulta quasi impossibile e molte delle gesta che vengono attribuite a Ragnar sono in realtà state svolte da altri personaggi storici, di più sicura e confermata esistenza.Vikings-Katheryn-Winnick-as-Lagertha-02

Nel nono volume è presente Lagherta, donna guerriero e prima moglie di Ragnar. Ragnar, affascinato fin da subito dalle capacità della donna in battaglia la chiede in moglie, ma Lagherta decide di metterlo alla prova mettendo contro di lui un orso e un grosso cane. Ragnar trafiggee l’orso con un arpione e strangola il cane a mani nude, ottenendo così la mano di Lagherta dalla quale ebbe tre figli: un maschio e due femmine.

 

th1IS2U36W

 

In un altro testo, il manoscritto islandese anonimo Landnámabók ( abbreviato anche in Landnáma) viene descritto in dettaglio la conquista dell’Islanda da parte dei Vichinghi (IX e X secolo). In queste pagine appare anche la figura di Floki, navigatore vichingo, il primo ad aver raggiunto l’Islanda.

 

 

 

thZ8UNE6H4

Rollo nella serie televisiva è il fratello di Ragnar, ma nella realtà sembra non esserci nessun collegamento fraterno tra i due. La storia di Rollo, inoltre, sembra avere fondamenta storiche più valide rispetto alle altre precedentemente citate, le quali si basano anche su fatti raccontati nelle leggende nordiche.
Rollo, conosciuto con il nome di Rollone, è stato un condottiero normanno, conte dei Normanni e conte di Rouen (Francia).

Secondo la Saga di Harald Harfager, scritta dallo storico islandese Snorri Sturluson, Rollo era soprannominato “Il Camminatore” a causa della sua enorme stazza che non gli permetteva di usare nessuna cavalcatura. Più recentemente, però, si pensa che il soprannome sia dovuto al fatto che, prima di stabilirsi sulla Senna, abbia viaggiato parecchio andando dalla Scandinavia alle Isole Britanniche e approdando anche sulle coste del Mare del Nord.

Nonostante queste conoscenze, la serie televisiva non gli dà giustizia (almeno in questa prima stagione).

Nel corso delle puntate la presenza degli Dei di questo popolo nordico è costante. I più nominati sono:
Thor, Dio del tuono, del fulmine e della tempesta. Lo si sente nominare spesso soprattutto durante i viaggi in mare, quando le onde sono molto alte e le imbarcazioni le infrangono agitandosi pericolosamente. Figlio di Odino, è molto amato dai vichinghi, infatti si definivano il Popolo di Thor.
Odino è il Re degli Dei, il più antico, il creatore del mondo e di tutte le cose. È il dio della guerra (decide lui le sorti della battaglia, chi deve morire e chi deve vincere), della poesia (nelle leggende si narra che parlasse sempre in versi) e della magia (della quale è il patrono). Viene chiamato anche Dio Viandante e viene rappresentato con un cappello dalla tesa larga e un mantello. Possiamo vedere bene la sua figura nel primo episodio di Vikings dove appare come un anziano girovago vestito tutto di nero.
Freyja è considerata la dea dell’amore sessuale, della fertilità, della seduzione e della bellezza. Viene pregata dalle donne per concepire figli e in suo onore vengono svolti sacrifici per rendere fertile il terreno da coltivare.

La sigla di “Vikings” l’ho trovata spettacolare. L’inquadratura che guarda dai fondali marini verso la superficie, dove galleggiano le navi vichinghe è la mia preferita, tetra nella sua bellezza.
La colonna sonora è “If I had a Heart” di Fever Ray. La sua presenza nella mia playlist è stata fonte di ispirazione per la stesura di questo articolo.

Il GGG : il Grande Gigante Gentile

the-bfg_146337975900

“Era l’ora delle streghe: quando arriva l’orco, quando le persone spariscono. Le ragazze dicono che l’ora delle streghe è a mezzanotte. Secondo me, invece, è alle tre di notte, quando io sono l’unica ancora sveglia, come sempre, come adesso.
Mai scendere dal letto.
Mai avvicinarsi alla finestra.
Mai guardare dietro la tenda.”

Sophie è una bambina che vive in un orfanotrofio di Londra. Nel cuore della notte, non riuscendo a dormire, vede fuori dalla finestra un enorme gigante. Presa dalla paura corre a rintanarsi sotto le coperte ma la mano enorme dell’essere l’afferra e la porta via con se, nel Paese dei Giganti per evitare che la bambina racconti ai suoi simili della sua esistenza.
Il nome del gigante è GGG, acronimo di Grande Gigante Gentile: simpatico, buono e con un linguaggio strambo. Si nutre di cetrionzoli,  unici ortaggi che crescono nel suo mondo, dall’aspetto orribile e con un odore nauseabondo. Al posto dell’acqua beve lo sciroppio che con le bolle direzionate verso il basso, fa fare tanti petocchi. Con il suo retino va a caccia di sogni, donati poi ai bambini addormentati nel cuore della notte.
Ma nel paese dei giganti, il GGG è unico nel suo genere. I suoi simili sono dei veri mostri, essere giganteschi divoratori di bambini.
Sophia, insieme al GGG, elabora un piano per fare in modo di evitare la sparizione di altri bambini innocenti, arrivando a coinvolgere la regina di Inghilterra.

713BBKczbULQuesto film di animazione è del 2016, diretto e prodotto dal grande Steven Spielberg (regista di molti altri film tra cui E.T., Indiana Jones, Jurassic Park).
La storia è basata sul romanzo dello scrittore britannico Roald Dahl. Prima di questa recente versione, nel 1989 era stato prodotto un film di animazione, rilasciato in videocassetta con il titolo “Il mio amico gigante”.

Guardare questa rivisitazione sul grande schermo dopo tanti anni mi ha fatto emozionare. “Il mio amico gigante”, però, rimane il mio preferito non solo perché è un legame con la mia infanzia ma soprattutto perché è molto più inerente al libro, cosa a cui io tengo particolarmente.

Nel recente film appare un personaggio del quale non si legge tra le pagine del libro e ha cambiato un po’ la storia. Il personaggio in questione è un bambino umano che abitava con il GGG prima di Sofia ma è stato poi mangiato dagli altri giganti carnivori. L’unica rilevanza vera e propria che ha nella storia è la presenza nella sua stanza di un ritratto della Regina Elisabetta, oggetto che fa venire in mente a Sofia il piano contro i giganti divoratori di bambini. Oltre a questo porta solo un velo di tristezza inutilmente, una cosa che io non ho apprezzato.

Anche il passaggio nel mondo dei sogni è differente, utilizzando lo specchio d’acqua come una porta di ingresso per un altro mondo. Questo dettaglio, rispetto al precedente, ha dato un tocco magico ulteriore e con gli effetti dell’era digitale è stato reso alla perfezione, senza cambiare la storia.

Anche nel cartone è presente un’apparizione che non è frutto della hqdefaultmente di Dahl ma che mi avrebbe fatto piacere rivedere nel nuovo film. Si tratta di un piccolo roditore che vive nella casa del GGG. È un personaggio che non ha un ruolo fondamentale nella storia, appare solo in alcune scene ma la sua presenza ha donato un tocco in più di comicità e dolcezza.

Libro, cartone e film differiscono tutti in una cosa: il finale. Questo, però, lo lascio scoprire a voi… Buona lettura e buona visione!

untitled-2_24.jpg

“Il mio amico gigante” -1989-

Classe: Arachnida Ordine: Amblypygi

Engorgio

“Harry Potter e il calice di fuoco”

Non so quante volte ho visto i film di Harry Potter e ogni volta che arrivo a questa scena mi chiedo sempre: ma quel ragno è reale oppure inventato?
So che suona un po’ strano ma io tendo ad essere molto curiosa e a concentrarmi su questi piccoli particolari. Dopotutto, trattandosi di film dove la magia e i mostri sono all’ordine del giorno, non si può dare nulla per scontato.

Curiosando sul web sono riuscita finalmente a dare una risposta alla mia domanda e, come avrete capito dal titolo, si tratta di un’aracnide appartenente all’ordine degli Amblypygi.

Amblypygi

Gli Amblypygi hanno largo cefalotorace, un corpo appiattito e sono privi di appendice caudale (non hanno la coda).
La maggior parte delle specie presenta otto occhi: un paio mediano e due gruppi da tre occhi posizionati lateralmente.
Hanno otto zampe ma per la locomozione ne usano solo sei. Il paio di zampe anteriore è usato soprattutto come antenne sensoriali, infatti sono molto più lunghe e sottili all’apice. Quando rilevano la presenza di una preda, la catturano e l’avvicinano ai pedipalpi, delle appendici composte da vari segmenti che presentano una superficie spinosa, adatta a immobilizzare la preda per poi essere mangiata. Questi pedipalpi possono essere o corti e tozzi oppure con una struttura più allungata.

Le prede preferite degli Amblypygi sono artropodi, ma in alcuni casi si è osservato che si nutrono anche di vertebrati.

Quando la femmina depone le uova, le trasporta in una tasca ventrale presente sul suo addome. Quando le uova si schiudono, i piccoli si arrampicano sul dorso della madre rimanendo attaccati fino alla loro prima muta. Se cadono prima del passaggio di questo periodo, non riusciranno a sopravvivere.

Nonostante il loro aspetto non sia molto carino, sono innocui per l’uomo in quanto non possiedono pungiglione o veleno.
Il nome Amblypygi significa “blunt ramp” (coda smussata) e sono anche definiti come whip spider (“whip” significa frusta, flagello ; “spider” ragno) o tailless whip scorpions (“tailless” significa senza coda e “scorpion” scorpione).

Dexter

Recensione serie completa – 8 stagioni –

1qZn6tq

“È la notte giusta e ne verranno altre, e altre ancora: deve succedere. Che bella notte, Miami è una città fantastica. Adoro la cucina cubana: i panini al maiale sono i miei preferiti, ma ora ho fame di qualcosa di diverso.”

Dexter Morgan. Ematologo forense, sezione omicidi della polizia di Miami

Aveva pochi anni quando sua madre è stata uccisa in modo atroce in un container, lasciandolo per giorni in mezzo a tutto quel sangue che imbrattava pavimento e pareti.
Harry Morgan, agente che seguiva il caso, decide di adottarlo. Dexter, però, non è un bambino come gli altri. L’ “oscuro passeggero” è presente dentro di lui, un istinto che è costantemente assetato… assetato di sangue.
Non sapendo come fare per mettere fine a questi impulsi del figlio, Harry decide di trovare il modo di incanalarli, insegnandogli un codice da seguire e rispettare.

“Sangue, certe volte mi rende nervoso, altre volte mi aiuta a controllare il caos. Harry, il mio padre adottivo, mi ha dato delle regole, sarebbe soddisfatto e lo sono anch’io. Harry era un grande poliziotto qui a Miami, mi ha insegnato a pensare come uno di loro, mi ha insegnato come coprire le mie tracce: io sono un mostro molto pulito. “

Le persone che vengono contrassegnate come vittime sono assassini, criminali, uomini scappati alla giustizia per qualche cavillo. Dexter ha un rituale tutto personale quando deve uccidere, prendendosi ogni volta un piccolo trofeo: un vetrino con sopra una goccia di sangue della vittima designata.
Nessuno sospetta della sua doppia vita, neanche la sorellastra Debra, detective e collega. Anche la fidanzata Rita è all’oscuro di tutto.

Nel corso delle puntate vedremo Dexter alle prese con lo scorrere della vita quotidiana, i suoi due “lavori” e sentimenti che pensava di non poter mai provare.
La sua voce fuori campo permette allo spettatore di entrare nella sua mente, conoscere i suoi pensieri e vedere le cose dal suo punto di vista, spesso freddo e distaccato. Parole profonde che fanno riflettere.

“Tutti noi abbiamo qualcosa che desideriamo ardentemente. Un bisogno che urla per essere soddisfatto. Alcuni di noi ottengono ció che vogliono e sono felici. Mentre altri non sono mai soddisfatti.”

Avvincente e mai banale. Le ultime stagioni mi hanno dato l’impressione iniziale di aver esaurito le idee però, mano a mano che assorbivo uno dopo l’altro i vari episodi, mi sono ricreduta.

Per il finale, invece, mi ero immaginata varie situazioni, nessuna delle quali ha corrisposto l’idea del regista. Meglio così!
La conclusione è stata soddisfacente, senza lasciare nulla in sospeso, però io continuo comunque a chiedermi: E adesso che succederà?

Buona visione!

Come un uomo paralizzato è riuscito a muovere le mani

Nessuna pozione magica o incantesimo: qui si tratta di scienza e la scienza ha, ancora una volta, fatto una scoperta eccezionale. L’utilizzo di un microchip che “legge il pensiero”, per permettere ad un paziente paralizzato di tornare ad usare i propri arti.

Per continuare a leggere il mio articolo vai al sito di Biochronicles!

( http://www.biochronicles.net/news/paralizzato-cura-biotech/ )